IT EN
RICHIEDI INFO Chiedi aiuto ai nostri esperti

LE ORIGINI E LE VARIETA'
COSE BUONE DA SAPERE

Cos'è il caffè

La parola caffè deriva dalla parola araba "qahwa", termine utilizzato in origine per indicare una bevanda estratta da semi, dall'aspetto rosso scuro, dagli effetti eccitanti e stimolanti, utilizzata talvolta anche come medicinale. Successivamente si passò alla parola "Kahve", di origine turca, che ne affinò il significato riferendosi in modo specifico alla bevanda estratta dai semi della Coffea. La traduzione letteraria della parola kahve divenne caffè. Altri pensano che il termine caffè deve le sue origini alla regione etiope con maggiore diffusione naturale della pianta di Coffea, la regione di Kaffa. Il caffè nasce da un arbusto sempreverde appartenente alla famiglia delle Rubiacee genere Coffea, localizzato fin dalle origini nella zona del corno d'Africa.

pianta caffè
Drupe, frutti della pianta del caffè

Tra le centinaia di specie del genere Coffea solo due vengono utilizzate per la produzione, l'Arabica e la Canephora, comunemente chiamata Robusta. La piena maturazione produttiva viene raggiunta in 3-5 anni e dopo una splendida fioritura iniziano a comparire i frutti: le drupe. Di aspetto simile alle ciliege e di un colore forte e acceso (in maggioranza rosso e a volte giallo in base al tempo di maturazione) i frutti hanno al loro interno il seme, solitamente diviso in 2 parti. Il seme, una volta lavorato, è pronto per essere consumato in infuso. Qualità, caratteristiche e peculiarità del prodotto finale variano a seconda delle specie, che si differenzia in base al contenuto di caffeina, all'adattabilità ai climi e ai terreni, ma soprattutto in base al gusto.

È una pianta che predilige un clima mite e con grandi e costanti precipitazioni, non sopporta grossi sbalzi di temperatura che portano freddo e gelo. Il suo nutrimento prevede una grande quantità di minerali, che ne facilitano la localizzazione vicino alle foreste tropicali o ai terreni vulcanici. La Coffea Arabica è la più diffusa e la più pregiata (utilizzata nel 80 % circa della produzione mondiale di caffè) per il suo gusto meno amaro, delicato, molto aromatico e meno astringente. La pianta trova le sue origini tra le catene montuose dell'Etiopia, diffondendosi poi in tutta la fascia tropicale in luoghi con altitudini superiori ai 900m. Contiene caffeina in percentuali molto basse dallo 0,8% a 1,5%, olii al 18% e zuccheri 8%.

piantagioni del caffè
chicchi di caffè

La Coffea Robusta si distingue invece per il gusto più amaro e corposo, con parti di caffeina che variano dal 1,7% al 3,5%. Il nome "Robusta" deriva dalla forte resistenza a shock termici, a malattie, a parassiti e alla grande adattabilità che caratterizza la pianta. A differenza dell'Arabica le piantagioni si possono trovare anche in zone pianeggianti e fino a 900m, rendendone più facile la lavorazione e di conseguenza i costi di produzione. Il caffè prodotto con questa qualità rappresenta di fatto la varietà più economica disponibile in commercio.